Andare Avanti Nonostante la Crisi Economica 3


 

Qualche tempo fa c’era chi diceva che eravamo praticamente usciti dalla crisi economica, adesso sembra che ci siamo completamente dentro, in realtà non abbiamo ancora visto il peggio che arriverà con la prossima introduzione di nuove tasse e l’aumento di quelle che ci sono già. Come se in Italia le tasse fossero poche; erano poche quando le pagavamo agli Austriaci, forse.

 

Ad ogni modo la vera crisi economica deve ancora arrivare, e come si può andare avanti quando, se un lavoro ce l’hai, potresti perderlo da un giorno all’altro o comunque non riesci ad arrivare a fine mese? Intanto la prima cosa è cercare di essere il più indipendenti possibile, quindi fare l’orto, magari tenere un paio di galline, sarebbe meglio un paio di oche ma ci vuole più spazio e fanno un pò di rumore. Imparare ad arrangiarsi il più possibile in modo da dover dipendere meno che si può dagli altri.

C’è un libro fondamentale che ognuno dovrebbe avere. Avrei potuto consigliarlo utilizzando un link che avrebbe dato alla Church of the Latter-Day Dude Italia un piccolo guadagno per ogni libro acquistato ma proprio per far capire che, pur non avendone, a noi il denaro interessa molto poco e che questo libro è veramente fondamentale non pubblico nemmeno il link diretto così il mio consiglio è sicuramente al di sopra delle parti. Non ci guadagno una cicca insomma.

Il libro è Guida all’ Autosufficienza di John Seymour e lo trovate ovviamente da Amazon a 16,15 euro. Io ho la versione inglese ma comunque è un libro eccezionale che vi insegnerà dal costruire un muro a fare l’orto, dall’allevare animali alla conservazione del cibo e quant’altro. In più, anche se onestamente non ho ancora provato, insegna a fare vino e birra in casa. In pratica è il miglior regalo da fare, e farsi fare, per Natale. E potrebbe anche darvi un paio di idee per guadagnare qualche conchiglia se avete un pò di terra disponibile.

Se si riesce ad avere la pancia piena la crisi economica sembra meno spaventosa no?

 

A parte il libro per ridurre parte delle spese ci si può associare ad un GAS, Gruppo d’Aquisto Solidale, mettersi d’accordo tra amici e andare a fare la spesa al mercato ortofrutticolo comprando frutta e verdura quando sono ovviamente di stagione, tanto c’è il libro di Seymour per sapere come conservarle, oppure si può anche utilizzare un sito di baratto come Zero Relativo.

Zero Relativo è un sito gratuito di Dudes che utilizzano il baratto come forma di scambio delle merci. Il denaro è bandito e le uniche spese sono per la spedizione della merce. Merce che si può scambiare, donare o prestare. C’è un meccanismo di feedback e in generale il sito dà l’impressione, almeno a me, di essere gestito da Dudes. Scambiare quello che non serve più con qualcosa di utile invece di buttarlo via secondo me è molto Dudeista.

 

A dire il vero l’Autosufficienza e il ritorno al baratto come, ove possibile, metodo preferito per scambiare merci sarebbe auspicabile sempre, non solo in periodi di crisi economica. Ma adesso, con le poche conchiglie che abbiamo in  tasca, possono fare la differenza e farci andare avanti finchè le cose non andranno meglio. Barattando non si spreca, si recupera e si riusa; e se avete il pollice verde e il vostro orto produce chili di verdura potete scambiarla con qualcos’altro. Fico no?

 

Abideamo!

 


About Andrea Da Fino

Puoi chiamarmi Dude, Duder, El Duderino o Rev. Duderino se non ti interessa essere breve. Ministro di Culto Dudeista e Rappresentante ufficiale del Dudeismo in Italia, ma per il resto uno qualunque, un Dude appunto.


Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

3 thoughts on “Andare Avanti Nonostante la Crisi Economica

  • Uedra

    del resto il buon Marx (non era proprio un Dude eh) classificava il “danaro” come equivalente generale di tutte le merci.
    ma effettivamente il baratto visto come “scambio” è un qualcosa di favoloso.
    è come quando vai da un tuo amico a dipingergli la casa e lui ti paga il lavoro tenedoti il cane magari quando sei in vacanza (se non puoi portarlo con te)

    tutto ciò che aiuta a far scorrere meglio la palla sulla pista è ben accetto, dude :)

    per non parlare anche del rapporto umano che si crea durante uno scambio. e di rapporti umani ne abbiamo davvero bisogno, dudes. almeno secondo me.

    come la cara vecchia solidarietà tra vicini di casa che una volta era tanto diffusa.
    non so… ma grazie a queste cose il mondo si “dudeizzerebbe” un po’ di più. giusto men?

    • Andrea Da Fino

      Dici il giusto Rev., dici il giusto. Se vai a guardare il baratto è alla base dei rapporti umani, come l’amicizia. Tu dai un determinato comportamento e ricevi in cambio un determinato comportamento.E segna 8 anche per la solidarietà tra vicini di casa. Quando le cose vanno bene spesso i rapporti umani vanno a farsi benedire, quando i tempi sono difficili come adesso le persone riscoprono il valore della cooperazione come si usava una volta nelle campagne, sempre se non arriva qualcuno a chiederti il voucher. Da soli si arriva fino ad un certo punto, per andare oltre abbiamo bisogno degli altri.

      Poi, per quanto riguarda il baratto, l’idea di avere qualcosa di utile senza doverlo pagare perchè lo scambi con qualcos’altro è parecchio fico. Visto che soldi non ce n’è anche molto utile.

      Buona giornata Dude! E grazie del commento. 8)