Diventiamo Maggioranza: La Via Islandese 7


 

Che la gente sia contenta è quello che il coro deve dire; per questo la controinformazione ha peso. Giorni fa ero in Francia, la loro radio “buona” parla proprio dell’Islanda, beh che fa? Oscura tutta l’esperienza che ci interessa, solo interviste a poveri cristi affannati. Furbi, sti giornalisti. Tutti insieme a tenere buone le pecorelle mentre gli cavano la pelle.
Sull’Islanda come va scivolando, d’accordo. E’ una razza, quella dei tuoi rappresentanti, che non la devi mollare, usare il web e tutto per fare gruppi di controllo permanenti, usare il voto come un’arma, gli Islandesi hanno solo cominciato, noi veniamo dopo, s t i a m o  i m p a r a n d o.
D’accordo sulla sovranità popolare nell’economia: moneta, finanza, fisco/evasione, lavoro, pensioni, stato sociale, gestione delle risorse umane e naturali. Insomma, UN VERO PROGRAMMA DI GESTIONE POSITIVA DEL PAESE DA PARTE DEL POPOLO (in ogni paese) ATTRAVERSO LA DEMOCRAZIA DIRETTA, VIA WEB (e qui l’insegnamento dell’Islanda è strategico) E SOCIETA’ CIVILE.

 

Ora collega abbi pazienza, leggimi. Quello che abbiamo è darci dignità gli uni con gli altri. Cerco di spiegarmi.

Noi diciamo : diventiamo maggioranza, anche elettorale. NON vogliamo fondare l’ennesimo partito, ma diventare tanto forti da imporre le nostre condizioni (programma dalla base e democrazia diretta) ai partiti esistenti. Sono lì perché ci siamo noi, o no?
(Abbiamo un blog: diventiamomaggioranza, dove mettiamo giù queste idee. )
La base deve avere forza. E allora la prima lotta da fare è quella contro il SENSO DI IMPOTENZA che frega tutti i poveri cristi.

 

 

1. Ora chi comanda ha le mani talmente libere che con due parole (rating; anzi, gli bastano le A e le B) ti rovina un paese: però i meccanismi sono sp*****ati. Chiunque lo può capire.
2. Però spesso il povero cristo (che è quello interessante, che regge tutto, la base) non vuole sapere, perché la verità lo schiaccia e basta. Resta lì, che sa tutto e non può muovere un dito mentre lo spellano. Incubo.
Allora ci vuole qualcosa che lo levi dall’impotenza.
Che la gente possa riprendere il senso della sua sovranità; per questo, penso, avete scritto dell’Islanda.
Islanda: due cose fondamentali:
a) un momento di sovranità popolare
b) l’uso politico del web per la democrazie diretta.
Per questo noi diciamo “diventiamo maggioranza”; prima di tutto lo diciamo contro il senso di impotenza.
3. Non vogliamo dare ricette. Vogliamo far partire questo: che tutti insieme si vada a capire come siamo messi. Quali sono le mani che ci strozzano. Capire insieme, sul web e sul territorio. Partendo da noi, dall’esperienza della vita e con l’aiuto di “esperti” professionali.
A noi pare che si può cominciare così: andare a capire tutti insieme, pubblicamente, come si forma sto debito pubblico (la nostra ferita aperta); le risposte verranno logiche. Le troveremo tutti insieme. Vera democrazia.
4. Questo sistema è talmente fradicio e incapace che ci frega inutilmente le nostre vite. S’è sganciato dall’economia reale, succhia solo le risorse dei popoli. Invece si potrebbe stare tutti bene. Rinnovare il parco delle energie, usare le nuove tecnologie mature, ecc. Senza i succhiasangue.
5. Mentre capiamo e troviamo le risposte, aumentiamo e ci compattiamo: Fino a quando siamo una grande massa cosciente e attiva. ALLORA CI LIBERIAMO DI QUESTI AVIDI INCAPACI E IMPONIAMO LE NOSTRE CONDIZIONI. I rappresentanti non li molliamo più, organizziamo gruppi di controllo sul web, ognuno si marca i suoi. Chi non funziona, via. I loro stipendi li decidiamo noi. Così loro e le nostre pensioni, ecc.
Hai in mente il referendum ? Non gli davano due soldi, e invece è andata. Pare che abbiano tirato un po’ tutti, di propria spinta. TRASVERSALMENTE. Pare che molto abbiano tirato i giovani, attivi sul web; si sono portati dietro le famiglie.
Ecco, far partire una cosa così.

 

CHE FARE ?
a) far girare un APPELLO, (sul web e sul territorio), non per adottare questa o quella ricetta, ma per cercarle insieme. C’è una bozza d’appello sul nostro blog, si può discuterla se volete, oppure si può fare ognuno un proprio testo.

L’importante è essere d’accordo su questi punti:
– METTIAMOCI INSIEME A CAPIRE E A FARE UN PROGRAMMA DI
GESTIONE DEL PAESE;
– DIVENTIAMO MAGGIORANZA ANCHE ELETTORALE;
– IMPONIAMO IL PROGRAMMA E LA DEMOCRAZIA DIRETTA.
b) per arrivare a questo, il primo passo che noi vediamo è: fare una lista dei siti web sensibili, dividerseli tra chi ci vuole lavorare, prendere contatto portando sui siti l’appello e rendersi presenti. Ognuno può seguire qualche sito. Poi, se va e diventiamo di più, ci si allarga e si vede insieme via via come andare avanti.

26371349-116490888

Grazie, fateci sapere.
La via islandese – Diventiamo Maggioranza

 


About Andrea Da Fino

Puoi chiamarmi Dude, Duder, El Duderino o Rev. Duderino se non ti interessa essere breve. Ministro di Culto Dudeista e Rappresentante ufficiale del Dudeismo in Italia, ma per il resto uno qualunque, un Dude appunto.


Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

7 thoughts on “Diventiamo Maggioranza: La Via Islandese

  • Rev.Fra

    Hola Dudes!
    Io sono d’accordo!
    Certo che da me sta per scapparci il walter incxxato…
    Io vi parlo dalla val di Susa che immagino sia paragonabile all’Islanda…(come argomento)
    Qui c’è un pezzo di stato militarizzato per interessi oscuri di nuovi nobili deliranti.
    Qui la gente “anche quella molto Dude” viene pestata tutti i giorni a turni di 6 ore!
    Certo perchè 10 furgoni pieni di poliziotti armati in assetto antisommossa vanno e vengono ogni 6 ore …cosi’ arrivano freschi e reazionari..
    Ormai le prove video sono inoppugnabili ma…
    tutto continua uguale giorno dopo giorno..
    Iniziamo dal piccolo! impediamo una nuova Vajont, impediamo un nuovo disastro preannunciato!
    se ci riusciamo abbiamo probabilita’ di riprenderci il paese…se no non servono piu’ sermoni..
    Qui pestano vecchi e donne…gli unici che possono mantenere un presidio a lungo …
    Non siamo un paese se non aiutiamo questa valle e questi nuovi partigiani “molto Dudes”!
    Buona vita men!

    • Andrea Da Fino

      Non lo so Dude, forse in Islanda non hanno bastonato nessuno. Io della Val di Susa onestamente non so molto, tranne che probabilmente la TAV sarà una specie di cattedrale nel deserto che porterà benefici solo a chi la costruisce. Mi ricorda qualche tempo fa quando discutevano di creare un corridoio, il 5 o il 9 che non mi ricordo, per arrivare dal Friuli in Europa dell’Est. I Romani che non erano dei fessi avevano creato una via che passava per Gorizia in quanto era il modo più semplice e diretto per arrivare da quei colleghi; il presidente della regione di allora invece voleva far passare sto cavolo di corridoio a tutti i costi per Trieste prevedendo di sbancare una montagna per far passare il treno. Per fortuna se non sbaglio la cosa è stata bloccata ma dà un’idea di cosa sono disposti a fare quelli che comandano. Un pò come gli americani che hanno speso milioni di dollari per inventare una penna che scriva nello spazio quando i russi da sempre usano la matita. D’altra parte quei milioni di dollari sono andati nelle tasche di qualcuno. Certo sarebbe da vedere cosa farebbero quelli che comandano se la TAV dovesse passare per casa loro, ma sai già che verrebbe bloccata subito.

      Comunque tornando alla Val di Susa ho visto spesso filmati di cittadini bastonati ma mica tanti di appartenenti alle forze dell’ordine. Sai com’è il libero arbitrio di ogni cittadino finisce di fronte alla ragione di stato, un pò come la proprietà privata che è tale finchè non serve allo stato; allora te la può espropriare per un pezzo di pane e farne quello che vuole. O darla a qualche amico. Per me la TAV è inutile e poi, numeri alla mano, impossibile da utilizzare. Qualcuno ha fatto i conti e tra prendere velocità e fermarsi ci vogliono un bel pò di chilometri per cui da Torino a Venezia la TAV può fare solo un tot di fermate se il treno va ad alta velocità. Per dirti mi pare che non possa neanche fare Torino Milano. E se la TAV non può andare ad alta velocità a che cavolo serve? A parte utilizzare un sacco di cemento e ferro? E materiali da costruzione? E macchinari da costruzione? Magari vogliono semplicemente fare il sacco della Val di Susa. Peccato che non ci sono più Falcone e Borsellino. Ma d’altra parte c’è un perchè se non ci sono più.

      Comunque Gandhi è riuscito a fermare l’Impero Britannico e quindi di sicuro i cittadini della Val di Susa possono fermare lo stato italiano. In fin dei conti lì lo stato sono loro.

      Certo quando ti bastonano in faccia non è mica semplice mantenere la calma però postare più video possibili su YouTube, se non vengono censurati, è il modo migliore per far vedere al mondo intero quello che succede lì. O magari aprire un videoblog. Che di sicuro i giornali fanno sapere quello che vogliono.

      Certo che bastonare donne e anziani, ci vuole proprio coraggio. Magari in due contro uno? D’altra parte se si resiste abbastanza a lungo si vince visto che tra un pò ci sono le elezioni e rimanere al proprio posto è l’unica cosa che interessa ai potenti. Sai, tipo la goccia d’acqua che scava la pietra.

      Mah Dude, meglio farsi una birra và!

  • Rev.Fra

    Hola Dudes!
    Cerchiamo di non far morire questo piccolo tappetino cibernetico nel grande web…che sara’ sì piccolo ma da’ un gran tono all’ambiente!
    Spero che siate piu’ voi a mangiare l’orso che l’orso a mangiare voi…Per me è un periodo di alti e bassi e …fortunatamente sono molto flessibile ai bassi…Mi rendo conto che per il pianeta è un periodo di Humus!
    siamo nell’humus fino ai capelli ma che volete farci…
    Dall’ Humus crescono i fiori e….questo Ci auguro.
    Un bel mazzo di fiori a tutti e a tutte!
    Che tutti possiate vivere le prossime feste con amici e.. Faxxxlo la recessione!
    Buona vita men!
    Rev.Fra

    • Andrea Da Fino

      Tranquillo Dude, non muore niente e nessuno. Un periodo di pausa e riflessione anche perchè sto pensando a che direzione dare al sito e ad alcuni cambiamenti. In fin dei conti se il Dudeismo non ci aiuta quando l’Humus è ovunque tanto vale che cambiamo religione.

      Per me è un periodo di bassi e sto aspettando che passi. Cavolo di Nichilisti che spadroneggiano ovunque. Mah, si vedrà. Intanto pensiamo a dove e quando trovarci per gozzovigliare un pò in buona compagnia. :)

      Buona vita Rev. e tieni duro.