L’Onda Lunga della Primavera Araba 5


 

Siamo sull’orlo di un grande cambiamento di cui la Primavera Araba è stata solo l’inizio. In varie parti del mondo, anche in Occidente, il popolo si è stancato di soffrire per far diventare ricchi gli altri è sta cominciando ad alzare la testa. La gente non si fa più imbabolare dalle belle parole o rimbambire dalla televisione e riconoscendo le balle per quello che sono, appunto balle, ha cominciato a dire no. Anzi, NO!

 

Nordafrica e Primavera Araba, i regimi nichilisti, corrotti, autoritari con le caste che pasteggiavano a caviale e champagne mentre il normale cittadino andava avanti a pane ed acqua sono stati sbattuti col sedere sul pavimento. L’unica cosa adesso è sperare che non prendano il potere i fondamentalisti altrimenti il Nordafrica è solo passato dalla padella alla brace. Staremo a vedere ma almeno adesso lì hanno la possibilità di una vita migliore che è sempre meglio della certezza di una vita di m…..

 

Islanda, dopo il totale crollo economico del paese gli Islandesi hanno deciso che si erano stufati di prendere pedate nelle gengive e hanno rivoltato, come è loro Diritto Fondamentale, il paese come un calzino. Sicuro che politici e compagni di merende non erano d’accordo ma il popolo comanda, soprattutto in democrazia. Fatto sparire il governo pirla, mandato a farsi un giro il mondo delle banche e della finanza, stanno riscrivendo la Costituzione dell’Islanda e riorganizzando il paese. Il popolo senza l’aiuto dei politici che mica sono pecore che hanno bisogno del pastore. Distribuzione del Potere, Trasparenza e Responsabilità sono i tre punti chiave della nuova Costituzione Islandese.

 

Berlino, il Partito dei Pirati entra nel Comune col 9 % dei voti. Certo, non sono dei vecchi barbogi interessati solo ad accumulare soldi, potere e privilegi; certo non conoscono le finezze della politica o della pubblica amministrazione e di sicuro non capiscono che il popolo è idiota per definizione e va guidato perchè altrimenti si perde; però di sicuro migliorerà le cose perchè hanno ancora degli ideali, non sono morti dentro, come i nichilisti. E partiti dalla Svezia, paese illuminato e civile, si stanno spargendo un pò dappertutto.

 

Indignados, partiti dalla Spagna si sono diffusi anche negli Stati Uniti col movimento Occupy Wall Street e ora pure in Canada. Giovani e meno giovani che si sono rotti le scatole del mondo della finanza e di chi lo protegge. Stufi di essere trattati come pezze da piedi protestano pacificamente, almeno finchè non cominciano a ricevere manganellate. Non ce la fanno più a vedere i nichilisti al potere e la gente comune sempre di più alla fame, non vogliono più essere servi della gleba del ventunesimo secolo.

 

L’onda del rinnovamento è partita e come un sasso lanciato nell’acqua sta diventando sempre più grande e si sta diffondendo ovunque, grazie ai giovani e alla vera democrazia che parte sempre dal basso e non viene data a gocce dall’alto. I nichilisti hanno tirato troppo la corda e adesso si è rotta. Ca**i loro. Sono andati oltre la linea.

 

C’è ancora speranza in un futuro migliore. Perchè il nichilismo può vincere solo finchè le brave persone lasciano fare a nichilisti e veri reazionari il bello e il cattivo tempo. E’ un dato di fatto che ovunque i cattivi sono meno dei buoni, la differenza è che i cattivi sono uniti e organizzati e quindi sembrano di più e più forti, ma la storia insegna che quando i buoni decidono di darsi da fare niente li può fermare. C’è riuscito Gandhi no?

 

E’ come con i criminali, prendiamo una città X con 100.000 abitanti dove i cattivi imperano, quanti criminali e accoliti ci sono? 100.000? Non credo proprio. Diciamo che per ipotesi ci sono 30.000 criminali con i vari aiutanti e lacchè, rimangono 70.000 tra brave persone e pecore che seguono la corrente del più forte. I 30.000 criminali possono fare i cattivi solo finchè i 70.000 buoni (+ pecore) li lasciano fare, poi quando finalmente i buoni decidono di muoversi i 30.000 cattivi vengono presi a calci negli zebedei, o gioielli di famiglia.

I cattivi imperano solo perchè i buoni glielo lasciano fare. Ovunque. Se n’è accorto anche quel ca***ne di Gheddafi.

E se per caso uno vive in un posto dove ci sono 70.000 cattivi e 30.000 buoni, beh, meglio fare richiesta di asilo in Islanda.

 


About Andrea Da Fino

Puoi chiamarmi Dude, Duder, El Duderino o Rev. Duderino se non ti interessa essere breve. Ministro di Culto Dudeista e Rappresentante ufficiale del Dudeismo in Italia, ma per il resto uno qualunque, un Dude appunto.


Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

5 thoughts on “L’Onda Lunga della Primavera Araba

  • duccio

    ti leggo con maraviglia.. ma davvero credi che gli arabi si sollevano… che ca…o! sai chi comnda la rivolta a gheddafi? il suo n.2 e il n. 3… ma ti fai prendere per il culo dalla tv?.. in egitto ci sono ora i militari e in tunisia solo il caos.. tant’è che scappano pure i topi..
    il popolo viene sollevato e non si solleva… ci sono quelli scikkettoni che scrivono mer**te per gli indignados e via dicendo.. centri sociali e balordi di ogni risma… si capisce solo che siamo in decadenza e il resto sono megaballe… il popolo che ora va meglio in economia è quello cinese ma non vorrai mica resuscitare Mao o Ho Ci Min.. sono balle a destra e balle a sinistra intanto il beduino ci fa fare la figura dei ca**oni con le nostre superpotenze… altro che popolo è solo gas e petrolio da arraffare.. ma mi faccia il piacere,, come diceva la bonanima del principe decurtis
    salutoni rivoluzionari a tutti

    • Andrea Da Fino

      Zio Billy duccio, ce n’è voluto per farti ritornare tra noi eh? :)

      Comunque è solo la mia opinione, e quindi opinionabile come ogni punto di vista. Posso anche aver scritto una ca***ta. Comunque almeno adesso hanno una possibilità, certo che se sostituiscono un dittatore con un altro non è che cambia molto. Stessa cosa se prendono il potere i fondamentalisti; è tutto nelle mani della gente comune, e come sempre chi è cagion del suo danno pianga sè stesso. Dipende da loro, la chance ce l’hanno, come in Islanda.

      Per quanto riguarda l’economia cinese è sì in buona salute, ma solo finchè tutto il mondo continua a far costruire tutto lì, se nessuno compra perchè sono finiti gli euri e i dollari sono alla frutta anche loro. Aspetta ancora un pò e vedrai che navigheranno nel mare marrone come noi. Tranne forse la Germania che ha ancora parecchia produzione casalinga, chiamali stupidi.

      Grande Totò, uno dei miei attori preferiti. :)

      Grazie per l’acuto commento duccio. e buona serata!

  • Francesco

    Hola man…! Scusa Andrea ….bellissimo testo pieno di speranza…e di speranza ce n’è
    bisogno…ma mi allineo al pensiero di Duccio….
    Certo a mio modo pero’! Credo che per combattere l’esercito di Droni che scrive caxxate in tv o solleva popoli per i propri interessi o fini quali petrolio o gas,
    Ci sia estremo bisogno di creare un esercito di guerrieri jedi….liberi pensatori e gente che non abbia paura di esprimersi o lottare per i propri diritti!
    Cari colleghi Reverendi ,sto parlando anche di noi…Siamo pochi ma anche il solo mantenere questo spazio libero nel web con le nostre idee è una gran cosa…
    Alla fine fan**lo tatuato in fronte e….occhiali scuri men!
    Buona vita Dudes!

    • Andrea Da Fino

      Fra, guarda che questo è uno spazio libero aperto alle opinioni di tutti, mancherebbe altro che fossimo sempre tutti d’accordo, sai che paio di palle da pallacanestro. Il bello dei Dudeisti è che possono essere in disaccordo e comunque civilmente dire la propria opinione continuando a essere Dudeisti. In America dicono essere d’accordo di non essere d’accordo.

      Che non sia tutto oro quello che luccica ok, e poi ci sono sempre le due facce della medaglia e così via. Quando però ci sono cambiamenti in atto c’è la possibilità di andare in meglio invece della certezza di navigare nel mare marrone, ed è già qualcosa. Dipende dalle persone.

      Per il discorso di lottare per i propri diritti fondamentali, cosa sacrosanta, c’è il Pirate Party anche in Italia. :)

      Tra parentesi guarda che i Preti Dudeisti non sono tanto pochi. E comunque, fin quando si può, occhiali da sole e via.

      Buona serata Rev.