Le Mille Facce del Dudeismo

 

Il Dudeismo sebbene sia scaturito principalmente dal Grande Lebowski è una filosofia spirituale antica di millenni e affonda le sue radici nel Taoismo originale. O almeno in quello che abbiamo capito del Taoismo: lo studio delle leggi della natura, la ricerca di un perenne equlibrio tra bene e male, dolce e amaro, Yin e Yang, e quant’altro.

Nel Dudeismo sono presenti un’ infinità di punti di vista, a volte simili e a volte parecchio differenti: c’è chi vede il Dudeismo come il fan club di un film, chi come una presa in giro, chi come un internet club, chi come una filosofia spirituale, chi come una religione seria. Dal che ne deriva che il Dudeismo raggruppa un sacco di persone diverse.

 

C’è l’ ateo che solo a sentir parlare di religione gli viene freddo, chi pensa che basti recitare a memoria le frasi topiche del film per essere un Dude, chi pensa che il Dudeismo sia una religione organizzata con gli stessi diritti delle altre, chi non gliene frega niente, e chi pensa che basti fumare e bere per essere come Dude. Secondo me non è che sia proprio così.

La bellezza del Dudeismo è proprio che cercando di andare sempre alla radice, o all’ essenza, delle cose se uno applica i principi del Dudeismo può essere un Dude qualunque sia il suo background e addirittura può persino mescolare il Dudeismo a un’ altra religione, o filosofia. Perchè anche l’ Ateismo è una filosofia. Tutto quello che finisce in ismo è una filosofia. Quindi sì Dude, anche il Nichilismo e il Reazionarismo.

 

Per questo ci sono Dudes Atei, Dudes Cristiani, Dudes Cattolici, Dudes Pagani, Dudes Dudes, Dudes Buddisti, Dudes Taoisti e avanti così. Al momento per quanto ne so io non ci sono Dudes Musulmani, Dudes Scientologisti e Dudes Ebrei, almeno aldilà dell’ oceano. Qui in Italia magari ce ne sono.

Io sinceramente trovo il fatto che il Dudeismo abbia tutte queste anime favoloso. Non è sempre semplice avere delle discussioni teologiche che a volte diventano pure parecchio infuocate ma se uno è veramente un Dude poi tutto si calma e si rimane comunque amici. Si difendono le proprie idee rispettando quelle degli altri perchè ogni buon Dude sa che questa è la strada per diventare più saggi: rispettare i punti di vista altrui, migliorare i propri, capire meglio come va il mondo.

 

Punto comune e prerequisito è ovviamente essere un Dude. Ora, essere un Dude prevede come base un uso intensivo della ragione e del buonsenso, cioè mantenere la mente aperta e flessibile; l’ essere capace di ricevere critiche e accettarle e soprattutto sapere quando è giusto scagliare palle da bowling e quando no, cioè prendere la vita con calma; e sapere che siccome si vince e a volte si perde andare avanti comunque meglio che si può. Queste sono le caratteristiche base di un Dude.

Poi secondo me ci va aggiunto almeno il rispetto, l’ attitudine ad essere stupidamente seri, il dare importanza alle cose e le regole. Rispetto, in un senso molto simile a quello dei Pellerossa, significa intanto rispettare sè stessi, poi gli altri, gli animali, la vita, il pianeta eccetera eccetera. Sempre tenendo a mente le tre caratteristiche fondamentali di un Dude. Nel caso del rispetto per gli animali non significa diventare vegetariani, significa farli vivere meglio che si può senza infliggergli sofferenze inutili. Ovvio che un Dude non lavorerebbe mai in un allevamento di animali da pelliccia mentre in un allevamento di polli all’ aperto biologico sì.

 

L’ attitudine ad essere stupidamente seri, o quella del sacro idiota, è quella di intanto prendere tutto con humor partendo da noi stessi che tanto siamo tutti dei dannati dilettanti, io per primo, ma allo stesso tempo di vedere quello che la realtà è. Non si prende niente che non sia strettamente necessario sul serio, si prendono con humor anche le cose serie che però non per questo non sono serie. Non so se mi sono spiegato bene. L’ esempio migliore è quello del buffone di corte che pur dicendo un sacco di c****te è l’ unico che dice in faccia al re quello che pensa. Dice baggianate che però sono anche la verità.

 

Il fatto di dare importanza alle cose e alle regole è una caratteristica intrinseca del buon Dude. Se niente ha importanza e niente ci tocca allora diventa Nichilismo; il Dude cerca di dare importanza alle cose importanti e butta sul ridere tutto il resto. Allo stesso tempo pur dando un valore estremo alla libertà individuale un Dude sa che ci sono delle regole che vanno rispettate per evitare che l’ aereo si schianti sulla montagna. Ho detto regole, non leggi. Le leggi possono essere giuste o sbagliate, dipende da chi le ha scritte e da chi le applica. Una regola invece tende ad essere sempre giusta ed applicabile in ogni situazione. Per fare un esempio in Siria ci sono delle leggi che prevedono che per difendere quei quattro nichilisti reazionari al governo la polizia e i militari possano sparare sui dimostranti; è una legge giusta? A Piazza Tien An Men passavano coi carri armati sui dimostranti: è una legge giusta? Le leggi le scrivono gli uomini e quindi possono essere buone  o cattive, come gli uomini. Una regola invece come evitare di c***re nel giardino del vicino per evitare problemi è buona e giusta. Oppure rispetta i diritti degli altri finchè loro rispettano i tuoi. Oppure fa quel che ti pare finchè non danneggi nessuno. E via così. I Dude rispettano le regole perchè sono necessarie ad una pacifica convivenza. Ognuno di noi ha Walter dentro di sè e le regole servono per evitare di fare casino o danni nella pista da bowling comune.

 

A me la regola che piace di più è che tra adulti consenzienti quello che succede è affar loro. Secondo me semplifica parecchio le cose. Per cui se quando avete imprese piccanti a voi piace vestirvi da Batman e alla vostra bella da Catwoman per il Dudeismo è ok.

Ad ogni modo quello che accomuna le diverse visioni del Dudeismo e i vari, e veri, Dudes è che ci si può sedere tutti attorno ad un tavolo e dibattere con la calma su qualsiasi cosa, anche quelle che contrastano i nostri punti di vista. Il che può essere facile oppure no. Per esempio io non ho problemi a parlare di religione nè con un ateo nè con un cattolico; tanto nessuno dei due può dimostrare di aver ragione. Io invece attestando che prendere le cose con calma è il modo migliore di vivere sì. O sbaglio?

 

Da questo deriva anche che chiunque può essere un Dude, non conta molto quello che uno fa quanto perchè lo fa e soprattutto come lo fa. Per esempio un poliziotto che come lo sceriffo di Malibu usa il suo distintivo per proteggere il potente di turno e tenere schiacciato il normale cittadino è molto non Dude. Altri esempi sono lo sheriffo di Sherwood e queslli che spruzzano il peperoncino in faccia agli Indignati. Il poliziotto che invece protegge i buoni dai cattivi, magari ogni tanto prendendoli prima che i cattivi aggrediscano i buoni, è molto Dude. Così come il poliziotto che si rifiuta di randellare uno solo perchè cerca di far valere i suoi sacrosanti diritti.

Stessa cosa per il soldato: se va a fare guerra per portare via risorse ad un altro paese è molto non Dude, se difende i confini del suo paese da un’ aggressione immotivata è Dude. Persino un politico può essere un Dude se cerca di fare in modo che ogni cittadino del suo paese possa avere una vita dignitosa e non usa la sua carica per fare il nababbo alle spalle degli altri. Non è tanto ciò che sei che ti qualifica come Dude, ma soprattutto come ti comporti. Oppure non solo quello che fai ma perchè lo fai.

 

Che è come dire che tutto può essere Dude ma non tutto è Dude. Il Dudeismo può abbracciare qualsiasi cosa ma non tutto può essere Dudeismo. Se sei uno che sfrutta gli altri puoi vedere il Grande Lebowski fino alla nausea ma non sarai mai un Dude, neanche se conosci tutte le battute a memoria.

 

Ora, questo è il mio punto di vista sul Dudeismo, più o meno insomma, e il tuo qual’è?

 

Posso darti i Voti Fratello o Sorella Shamus

Dudes, l’Arch Dudeship, numero due del Dudeismo nel mondo, ha pubblicato sull’organo ufficiale del Dudeismo, The Dudespaper, i voti da pronunciare al momento dell’ordinazione a prete Dudeista, o monaco, o quel che vi pare. Se siete dentro questa cosa dei voti leggete pure, se invece non è il vostro campo va bene lo stesso. Mica ci piace spaccare il capello in quattro Dudes. Come sempre eventuali errori di traduzione sono colpa mia. Buona lettura.

Introduzione:

In questo rigido mondo di dolore pieno di veri reazionari e nichilisti che corrono in giro minacciando di tagliare il nostro johnson e il resto, il Dude raccomanda a ognuno di noi solo di prenderla con calma, uomo.

Come Prete Dudeista tu sei chiamato a raggiungere questo obiettivo modesto tenendo duro attraverso tutti gli strikes e i gutters che la pista da bowling cosmica mette sulla tua strada.

La Chiesa del Latter-Day Dude ha tirato fuori questi voti (in un linguaggio che non viola le norme anti oscenità) per aiutarti a tenere veramente assieme la tua vita come un Prete Dudeista ufficiale.

Sei pronto/a a prendere quella collina?

Voti:

Ripeti dopo di me:

Come Prete Dudeista ordinato, io (dì il tuo nome) giuro solennemente:

  • Di prenderla solo con calma, uomo.
  • Di diffondere la parola del Dude quando non è troppo stancante
  • Di trovare sempre il tempo per qualche hamburger, qualche birra, qualche risata
  • Di verificare in che condizione è la mia condizione
  • Di non trattare gli oggetti come donne, uomo
  • Di, uh.. qui ho perso il filo dei miei pensieri
  • Di mantenere la mia mente flessibile
  • Di apprezzare naturali, piccanti imprese mentre aggiusto il cavo
  • Di non ripetere mai quello che uno sconosciuto al telefono mi dice di dire
  • E sempre, in un mondo impazzito, di tener duro e andare avanti

Quindi aiutami Dude.

Finale:

Adesso, miei Fratelli (e Sorelle) Shamus, mettetevi in viaggio, andate avanti, e siate Dude con voi stessi.

Signore, tu puoi immaginare dove si va da qui.

Articolo originale Dudespaper.

Dudeismo, Alcol e quant’altro

In questi giorni si parla parecchio di alcol e soprattutto di abuso d’alcol, così ho pensato che fosse interessante spiegare il mio punto di vista sull’alcol, che se non mi sono perso nel mezzo di un film è anche il punto di vista del Dudeismo. Quanto riguarda l’alcol può anche essere applicato, almeno in parte, ad altre sostanze.

Il punto di vista del Dudeismo riguardo l’alcol o altre sostanze è che sono affari vostri. Se siete maggiorenni e vaccinati quello che fate è affar vostro. La vita è nelle vostre mani e voi siete responsabili delle scelte che fate. Il Dudeismo come religione da nessuna parte dice che per essere Dudeisti bisogna bere alcolici. E’ vero che la maggior parte di noi adora la birra, è vero che tutti riteniamo il White Russian la nostra bevanda sacra ma da nessuna parte è scritto che sono degli obblighi da rispettare. Uno può essere il più grande Dudeista di tutti i tempi ed essere astemio, o essere uno sbevazzone e contemporaneamente essere il re dei nichilisti.

Che è come dire: se vi piace la birra ok, se non vi piace la birra è ok lo stesso, ma non dite che bevete birra perchè è previsto dalla vostra religione. Bere o non bere birra o altro è una vostra scelta, e solo vostra. Il Dudeismo è una religione di libertà che non vi dice come dovete vivere la vostra vita, vi dice di essere flessibili, prendere la vita con calma, andare avanti e rispettare le libertà fondamentali, vostre e degli altri.

Bevete pure, ma bevete responsabilmente. O bevete solo acqua, è lo stesso.

Un Dudeista non perde mai il controllo, o almeno cerca di essere sempre circondato da un alone di tranquillità dove tutto scorre perfettamente. Si può dire che il Dudeista cerca di essere sempre nell’occhio del ciclone, dove c’è una calma perfetta anche se attorno tutto il mondo sembra impazzito.

Ovviamente essere stonati non fa parte dell’essere Dudeista, almeno secondo me. Un conto è mantenere la mente flessibile, un conto è avere il cervello in pappa e non rendersi neanche conto di quello che succede. Bere qualche birra va bene, ritrovarsi in un luogo sconosciuto senza sapere come ci si è arrivati non va bene. Il buon Dudeista controlla l’alcol (o altro) e non si fa controllare, altrimenti perde la sua libertà di scelta. Il buon Dudeista se si accorge di aver esagerato passa all’acqua oppure si siede e aspetta di essere tornato pimpante.

Se capita di esagerare con l’alcol, e può capitare, per il Dudeismo non è un problema, come detto prima i Dudeisti si assumono la responsabilità della propria vita e delle proprie scelte. E’ un problema se dopo aver bevuto un pò troppo cominciate ad agitare ferri o a lanciare palle da bowling a chi vi sta vicino, molto non-Dude. Ancora peggio se montate in macchina stonati, molto non-Dude e molto stupido visto che potreste fare del male a voi stessi o ancora peggio a qualcun’altro.

Lo so, lo so, nel nostro adorato film il Grande Lebowsky c’è una scena in cui Dude guida bevendo birra e fumando un J. Ma quello è uno dei pochi punti in cui è solo un film. Quello Dudes è un comportamento da ca***ni, puro e semplice. E se quando si impianta con la macchina una donna con passeggino avesse attraversato la strada? O si trovava all’uscita di una scuola? Tenete comunque conto che tutti a volte si comportano da ca***ni, io pure sono un vero idiota ogni tanto. Ma questa non è una regola.

Bene, conclusione del discorso, sperando di non essermi perso troppo.

Il Dudeismo vi dà la responsabilità della vostra vita e delle vostre scelte. Indica delle regole di vita ma non vi dà obblighi, a parte seguire i tre precetti fondamentali. Perdere il controllo sulle proprie scelte a causa dell’uso di sostanze di vario tipo è non-Dude. Essere flessibili è una cosa, rompersi perchè ci si è piegati troppo è un’altra.

Ad ogni modo il Dudeismo vi lascia libertà di scelta e di vita, basta che questo non vada oltre la linea limitando le libertà degli altri, Dudes o no. Alla fine ognuno è responsabile della propria vita. E il buon Dudeista resta dentro il suo tappeto; o almeno questa è la mia opinione.

Bere qualche birra è ok, stonarsi completamente e magari fare risse o sfasciare la macchina è come andare oltre la linea, e i Dudeisti non vanno oltre la linea così come non urinano sui tappeti altrui. Tradotto se non sei in grado di controllare l’alcol bevi acqua che è meglio.

Appunti dudes? Ho ragione o sono solo un ca***ne?

Dudeismo e il Matrimonio Interreligioso

La posizione del Dudeismo sui matrimoni tra appartenenti a religioni diverse è che non c’è nessun problema se un Dudeista sposa una Buddista, o una Cattolica, o quant’altro. Il Dudeismo è piuttosto tranquillo praticamente su qualsiasi cosa, tranne i molestatori.

Anche se ci sono religioni che obbligano i propri membri a sposare solo appartenenti allo stesso culto, oppure a cambiare religione per sposare un fedele il Dudeismo non è proprio una di queste. Un Dudeista può sposare chi vuole anche se ovviamente siamo più vicini come ipotesi su come funziona l’Universo ai nostri colleghi Taoisti, Buddisti e simili religioni. Gente con la mente parecchio flessibile, e rilassata.

Nel Dudeismo c’è libertà praticamente su tutto, basta rispettare le tre regole fondamentali e ovviamente rispettare gli altri e i loro diritti. Nessun Dudeista vi chiederà mai di abbandonare la vostra religione, ma ovviamente se guardate male chi si beve una birra o si mangia un hamburger o una costa di maiale allora qualche difficoltà può esserci. Per sposare un Dudeista bisogna per forza di cose essere rilassati e flessibili, e comunque anche per vivere decentemente, come insegna il Dude.

Come ha detto una volta uno più saggio di me il Dudeismo è compatibile con qualsiasi religione che viene arricchita dall’approccio Dudeista all’esistenza, il nostro punto di vista per così dire, un Dudeista può sposare chiunque ma sfortunatamente non tutti possono sposare un Dudeista, se mi sono spiegato bene. Come chiunque altro noi pensiamo che la nostra filosofia spirituale sia quella più corretta, e sicuramente quella più rilassata, ma non ci penseremmo mai a convertire qualcuno con la forza o obbligando in qualche modo. Anzi, noi neanche convertiamo. Sarebbe troppo stancante.

Mantenete la mente flessibile Dudes! E sposatevi con chi vi pare.

Come Scacciare i Guai

Quando capita un brutto periodo, e adesso come adesso è abbastanza probabile, la tecnica Dudeista è fare festa. Tanto a star depressi mica si migliora la situazione, anzi, se riusciamo a far tornare la nostra mente flessibile magari ci viene qualche buona idea per uscire dalle tenebre che ci avvolgono.

La vita è quello che è, e non ci possiamo fare niente, per cui se vi trovate in un periodo non particolarmente felice quello che dovete fare è: trovarvi con un pò di amici, un pò di birre, un pò di hamburgers o di costa se preferite, e tutti i guai se ne vanno.

Large beef steaks over wood
Image via Wikipedia

Almeno per un pò. Se non altro vi tirate su il morale e accendete una luce che illumina le tenebre, così il vostro spirito si innalza e magari dall’alto vi arriva un’ispirazione.

Quindi birra, hamburgers e amici. Ma vanno bene anche vino, bistecche e costa, o salsicce, o quello che vi pare.

Niente è meglio di una grigliata in buona compagnia.

Take it Easy Dudes!

Enhanced by Zemanta

Oltre la Linea

 

Un vero Dude evita di andare oltre la linea.

 

O come dicono in America “Over the Line!”. Vale soprattutto se si gioca a bowling. Oltrepassare la linea significa invadere il territorio di qualcun’altro, entrare nel suo giardino, limitare la sua libertà, esagerare o più in generale non rispettare le regole. Ma vuol dire anche fregarlo o rompere le scatole al prossimo o al mondo. Un Dude non va oltre la linea perchè sa quando fermarsi, sennò uno diventa Reazionario, o Nichilista.

 

Le regole esistono, Dudes, questo non è il Vietnam. Ora, siccome un Dude è estremamente pacifico e rispettoso degli altri capita molto raramente che superi la linea. Di solito accade il contrario e cioè che altri attraversano la linea di un Dude. E in quel caso di solito il Dude diventa un Walter. Ci piace essere liberi ed essere trattati correttamente quindi evitiamo di andare oltre la linea con gli altri, in pratica li trattiamo come vorremmo essere trattati, con rispetto.

 

Il Dudeismo ha poche regole, anzi probabilmente è la religione, o filosofia spirituale-religiosa, se non vi piace essere brevi, con il minor numero di regole possibili. Quindi per un Dudeista rispettare le regole è abbastanza facile. Basta in linea di massima farsi gli affari propri e rispettare il tappeto altrui. Cioè appunto non andare oltre la linea.

 

Se non si invadono le libertà altrui, nel Dudeismo è permesso praticamente tutto. Anzi, alla fine l’unica regola del Dudeismo è proprio questa: Vivi e Lascia Vivere. Fatti gli affari tuoi e non rompere le scatole al mondo. Eccetera, eccetera.

 

Oppure non obbligare gli altri a far qualcosa contro la loro volontà, lasciare che ognuno faccia la vita che vuole…… Ovviamente se questo non va a scapito di qualcun’altro. Perchè ogni Dude sa che la sua libertà finisce quando invade la libertà di un’altro.

 

Quanto sopra ovviamente non vale se qualcuno entra nel vostro giardino per primo. Ad esempio se qualcuno è responsabile del fatto che hanno urinato sul vostro tappeto preferito e se ne frega allora siete legittimati a prendere un tappeto qualsiasi dalla casa. E se qualcuno vuole il vostro denaro potete scagliargli contro una palla da bowling.

 

Rispondere ad un’aggressione gratuita e immotivata non significa aggredire ma difendersi. E questo è legittimo anche nel Dudeismo.

 

Quindi, per farla breve, rispettare le regole nel Dudeismo significa rispettare gli altri, almeno finchè gli altri rispettano voi. Rispetto. Per sè stessi, gli altri, l’ambiente…. Quindi man evita di andare oltre la linea, è proprio quello che fa di un Dude un Dude, se mi sono spiegato abbastanza bene.

 

Birra a fiumi!

 

La Regola dell’ Orso: A Volte Tu Mangi L’Orso

 

Il Grande Orso dice: a volte vinci tu e a volte vinco io.

 

Certe volte tu mangi l’orso e altre volte, beh, è l’orso che ti mangia. Questo è uno dei Pilastri del Dudeismo : a volte si vince e a volte si perde, l’universo funziona così e non è che ci si possa fare molto. Per quanto uno si impegni a volte si perde, bisogna mandare giù il rospo e andare avanti.

 

Non si può vincere sempre.

 

La regola dell’orso  ovviamente è ripresa da una battuta de Il Grande Lebowski. Accettare il fatto che non si può sempre vincere, non è e non può essere sempre Domenica, le cose non possono andare sempre bene, eccetera. Beh, a meno che uno non sia parecchio dentro il discorso dello Yin e dello Yang e quindi capace di muoversi come l’acqua. Ad ogni modo così va la vita. Certo, se uno è minimamente illuminato riduce le possibilità che le cose vadano storte e se vanno così lo stesso almeno si tamponano i danni.

 

A volte si vince e a volte si perde, qualche volta va bene e qualche volta va male, a volte tu mangi l’orso e a volte l’orso ti mangia, a volte si fanno strikes e altre volte gutters. Guardando dal di fuori è un discorso equilibrato: il povero orso non può mica essere sempre mangiato no? Dal suo punto di vista ogni tanto deve pur vincere anche lui. Per mantenere l’equilibrio.

 

Quindi è perfettamente normale che a volte le cose ci vanno male, non è mica un film la vita, per cui quando va storta bisogna accettarlo e Andare Avanti. Anche perchè non ci sono altre scelte, questa è la vita e queste sono le regole del gioco. Strikes and Gutters, Ups and Down….. Oh beh, pazienza. Si vincerà la prossima volta.

 

Ma è proprio perchè sappiamo che ogni tanto vince l’orso che possiamo affrontare la vita con un sorriso sulle labbra, perchè conosciamo le regole del gioco. E sappiamo che  presto o tardi tocca a noi vincere.

 

Un Dude la prende con calma, va avanti, e si adegua. Ho forse torto?

 

Questa è la Regola dell’ Orso, ed è l’unica regola che ti può servire per affrontare la vita al meglio: a volte si vince e a volte si perde. Pazienza. Andiamo avanti. Ci adeguiamo e vediamo di vincere la prossima volta, o quella dopo.

 

Certo, se uno ci mette testa ed impegno, e magari fluisce in accordo con il Tao, riduce le possibilità che vinca l’orso. Che a me come animale sta pure abbastanza simpatico.

 

Guarda avanti Dude!

 

I Precetti del Dudeismo: Abide o Adeguarsi e Andare Avanti

 

Abide. Adeguarsi e Andare Avanti nonostante tutto.

 

A volte si Vince e A volte si Perde. Nel Bowling si dice Strikes and Gutters. Ci si può arrabbiare quanto si vuole ma non serve a niente; la vita funziona così. Quindi l’unica cosa da fare è andare avanti. E adeguarsi.

 

Abide ha vari significati tra cui sopportare, tener duro, seguire le regole, andare avanti e il principale che è adeguarsi…… Quando il Dude dice allo Straniero che lui si adegua dopo la morte di Donnie significa proprio questo: poichè il Dude conosce le regole del gioco della vita e sa che può capitare di prendere delle mazzate lui si adegua e va avanti nonostante tutto. Perchè sa che la vita è fatta così, e non ci si può fare niente. Tranne vivere il momento presente e apprezzare quello che si ha. Adesso.

 

In questo modo poi non ci sentiremo presi in giro dal Signore e potremo morire con un sorriso sulle labbra.

 

L’ Andare Avanti o Adeguarsi è chiaramente un concetto molto presente nel Taoismo basato sulla dualità dell’esistenza, lo Yin e lo Yang, o l’alternarsi di periodi di vacche grasse e vacche magre, Luce e Tenebre….. Nel Dudeismo come nel Taoismo questa conoscenza viene utilizzata per andare avanti fino al prossimo periodo positivo e per ridurre la sofferenza durante il periodo negativo. Un pò come gli scoiattoli che fanno scorta di cibo durante la bella stagione per poi aver da mangiare durante l’Inverno. Il Dudeista non si arrende perchè sa che tutto fa parte dell’esistenza e che presto o tardi spunterà di nuovo il Sole. Non è una questione di fede, tutt’altro, ma di fiducia e di conoscenza nelle regole del mondo. O nel fluire del Tao se sei abbastanza dentro le cose orientali. Ecco perchè Abide è così importante, ti permette di fluire senza sforzi attraverso gli scherzetti che la vita ti mette davanti.

 

La vita è fatta di cose positive e negative, certo, a volte molto negative. Ciononostante questa è la vita, ed è fatta così. Tocca accettarla.

 

Bisogna Adeguarsi. Abide appunto.

Uno dei principali mantra Dudeisti è: “In Dudeness We Abide!”, cioè: “Essendo Dude Noi ci Adeguiamo e/o Andiamo Avanti!”. Perchè conosciamo le regole del gioco, le accettiamo, le rispettiamo e quindi spesso vinciamo. E quando perdiamo, beh Dude, questa è la vita.

 

I Precetti del Dudeismo: Sii Flessibile

 

Quello che è rigido è morto, quello che è flessibile è vivo.

 

Ma flessibile non significa molle. Come sanno i Taoisti la perfezione si trova nell’equilibrio ed il Bamboo ne è un perfetto esempio: tanto flessibile che si piega al vento ma abbastanza forte per usarlo come impalcatura per costruire case, come ancora oggi usano in Oriente.Se sei teso ti rompi, se sei flessibile ti fletti ma non ti pieghi e rimani intero. Il Dudeista cerca di essere sempre flessibile. Mica così per sport ma perchè essendo flessibili si vive meglio, e faticando di meno.

 

Se ti trovi davanti un ostacolo ci sono tre scelte: la prima è fermarsi e magari tornare indietro, la seconda è arrampicarsi e scavalcarlo, la terza è passargli attorno, o se non ci si riesce cambiare strada. Quest’ultimo è l’approccio Dudeista. Mica perchè siamo pigri, beh magari giusto un pò, ma perchè il Dudeista sceglie sempre la strada che richiede meno sforzo. E passare attorno agli ostacoli dà di solito il massimo rendimento appunto col minimo sforzo. Essere flessibile non vuol dire farsi sbattere di qua o di là dal vento come gli pare, il Bamboo mantiene la sua essenza, si piega col vento forte e torna dritto quando il vento se ne va. Mica è semplice erba.

 

Cerchiamo insomma di agire quando è la cosa giusta da fare e nel momento giusto. Come il “Wu Wei” dei nostri confratelli Taoisti. Magari un pò più rilassati. Oltretutto senza una mente flessibile diventa difficile prenderla con calma ed adeguarsi alla vita perchè i tre principi fondamentali del Dudeismo sono legati fra loro e se riesci ad applicarne uno fino in fondo automaticamente applichi anche gli altri. Facendo meno fatica.

 

La flessibilità è necessaria per vivere la vita al meglio, e per affrontarne le sfide nel modo migliore. Come un surfista che affronta le onde della vita non sbattendoci la faccia sopra ma cercando di restare in equilibrio continuando a volare sulla cresta dell’onda. Ecco un Dudeista è un Surfista sul mare dell’esistenza. O uno che raggiunge i suoi obiettivi seguendo la via più semplice, che non sempre è quella più facile ma di norma quella meno stancante.

 

Birra a fiumi Dudes!

 

I Precetti del Dudeismo: Take It Easy Dude!

 

Qual’è il significato di Take it Easy? Prendi la vita con calma e la vita ti prenderà con calma.

 

E se non lo fa pazienza.

 

Precetto fondamentale del Dudeismo è Take it Easy! Cioè Prendila con Calma. Affrontare la vita nervosi, arrabbiati o perennemente stressati non serve a molto, tanto le cose raramente cambiano. Anzi di solito peggiorano.

 

Arrabbiarci per poco serve solo a farci il sangue amaro e rovinare la giornata. Se invece cerchiamo di restare calmi e prendere le cose in modo rilassato la nostra vita migliora di molto e anche stare in coda nel traffico per un’ora diventa un fastidio facilmente superabile.

 

Beh, in questo caso comunque un Dude prende la bicicletta o va a piedi. Applica cioè il Take it Easy.

 

Se noi siamo rilassati quasi tutto quello che ci capita durante la giornata diventa facilmente gestibile. E’ un pò come applicare quel detto Buddista che è inutile preoccuparsi perchè se una cosa è risolvibile allora preoccuparsi non serve a niente, se invece non è risolvibile preoccuparsi non la risolve di sicuro. E’ o non è una sacrosanta verità? Si vede che starsene anni a meditare effettivamente fa venire delle buone idee. Noi che siamo pigri di solito o le prendiamo dagli altri o ci appaiono quando siamo particolarmente flessibili.

 

Prendere la vita con calma significa andare sempre avanti girando attorno agli ostacoli, grandi o piccoli, che la vita ci riserva; un pò come fa una foglia su un torrente che andando di qua o di là schiva tutti i sassi e alla fine arriva al mare. Un pò come la vita. Ovvio, non è sempre facile; ci sono intoppi, difficoltà, eccetera ma applicare il Take it Easy serve a non sprecare energie dove non serve, ad individuare con la mente limpida la via migliore da percorrere e a stressarsi il meno possibile.

 

E di stress noi Dudeisti ce ne intendiamo parecchio, soprattutto nel fuggirlo.

 

Quindi, Take it Easy Dude! Rilassati!